Performance teatrale Venerdì 7 ottobre 2016 ore 20:30

Nell’ambito della settimana per la promozione della Salute Mentale, A.I.T.Sa.M – Associazione Italiana Tutela Salute Mentale é lieta di invitarVi alla perfomance teatrale

“Ho bisogno di diventare chi sono già”

Serata di partecipazione collettiva con il metodo del teatro dell’oppresso

venerdì 7 ottobre ore 20.30

Fonderia Aperta Teatro ● via del Pontiere 40/a Verona

L’ingresso è gratuito e i posti limitati.

È quindi necessaria la conferma della presenza preferibilmente entro sabato 1 ottobre 2016.

Per partecipare:

- telefonate o inviate un sms indicando nome e cognome del partecipante al seguente recapito telefonico 342 8447529 (dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19)

oppure

- inviate una mail indicando nome e cognome del partecipante a: aitsam.verona@tiscali.it

● ● ●

La performance teatrale proposta da

Nucleo Teatro dell’Oppresso – Compagnia instabile di teatro sociale vuole affrontare, insieme al pubblico presente all’evento, il tema della malattia psichica.

Il gruppo teatrale ha scelto quindi di presentare due storie ispirate a situazioni realmente accadute: la storia di Mario, uomo di mezza età affetto da ricorrenti crisi depressive con conseguenti ricoveri nel reparto di psichiatria e complessi trattamenti farmacologici, che prova a districarsi tra queste difficoltà, cercando di tenersi a galla nel lavoro ed in famiglia.

Come spesso accade, però, una simile impresa può diventare impossibile per un uomo rimasto solo. La storia di Anna, ragazza trentenne che come conseguenza di un disturbo bipolare, vede minacciato il proprio mondo affettivo e relazionale, e si trova confinata in una palude d’incomprensione da cui risulta difficile riemergere.

Queste due storie, che vedranno il coinvolgimento del pubblico, saranno anticipate da un’introduzione di teatro performativo al fine di creare l’atmosfera giusta per la serata.

Lo scopo della rappresentazione non è certo quello di risolvere problemi ma di scoprire insieme le molteplici risposte possibili e stabilire un confronto e uno scambio di punti di vista. In questa prospettiva, il ruolo del pubblico è fondamentale: gli spett-attori possono partecipare attivamente all’evento scenico e modificarlo con le proprie riflessioni e proposte.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>