“L’ordito e la trama” Libro + DVD scaricabili gratuitamente

GIOVEDI’ 6 giugno 2013

Per la prima volta quest’anno sono state coinvolte nel lavoro teatrale della Compagnia anche due scuole, l’Istituto Montanari di Verona e il Liceo G.Veronese di S.Bonifacio, con l’intento di avvicinare i ragazzi alla conoscenza dell’auto aiuto, come modalità non solo di risoluzione dei conflitti, ma anche di relazione con l’altro: “Abbiamo giocato, parlato, riso, pianto, improvvisato scene, scritto, raccontato. Abbiamo condiviso un modo di fare teatro, un modo di mettersi in relazione “nel e con” il disagio”. Continua a leggere

Dona il 5 per mille

L’Associazione svolge molteplici attività a sostegno delle persone con problemi di salute mentale e delle loro famiglie.
Vi invitiamo a sostenerci indicando sulla dichiarazione dei redditi (Cud, 730, mod.Unico):
A.I.T.Sa.M. ONLUS
codice fiscale 93034540232

*******
Per donazioni fiscalmente detraibili:
IBAN IT 90 I 05034 11727 000000044495

Presentazione del libro di Thomas Ubaldini “Trilogia dell’Adulto Fanciullo Cronache di un auto recupero di Sé“

Nell’ambito dei progetti volti a creare un contesto nel quale possa esprimersi la cittadinanza di ciascuna persona, presso la sede di A.I.T.Sa.M. Verona si è tenuta la presentazione del libro di Thomas Ubaldini:
“Trilogia dell’Adulto Fanciullo
Cronache di un auto recupero di Sé“

Il testo dell’opera, corredato da una presentazione del prof. Gian Paolo Romagnani dell’Università di Verona, propone tre registri di scrittura: un racconto di genere fantasy, una raccolta di liriche ed una cantica finale.
Il filo conduttore dei tre libri è lo spirito dell’AdultoFanciullo, ossia l’adulto consapevole del male del mondo, ma anche capace di stupirsi e di sognare, capace di mantenere viva la sua fiducia primordiale, la propria creatività, anche come antidoti all’omologazione e alla perdita del sé.
L’iniziativa ha avuto scopo di far conoscere il prodotto di un lavoro/percorso e di dimostrare che, accanto a ciò che manca o soffre in ognuno di noi, c’è sempre una parte vitale e capace.
La cura, la prevenzione e il sostegno al disagio passano anche dal puntare il dito sulle abilità, per permettere che queste crescano e possano esprimersi.